Filiera olivicolo-olearia

Quattro linee di intervento per rilanciare il settore. 

La strategia del Mipaaf nella loro nota stampa.

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali comunica che si è tenuta ieri, presso la sede del Mipaaf, una riunione del tavolo di filiera olivicolo-oleario con i rappresentanti delle organizzazioni agricole, dei produttori, dell'industria di trasformazione e della commercializzazione.
Nel corso dell'incontro, a cui ha partecipato il Ministro Maurizio Martina, è stato fatto il punto sulla situazione dell'olivicoltura italiana e sono state discusse le misure per migliorare la competitività del settore.

La strategia di intervento proposta dal Mipaaf si orienta in 4 direzioni:

- Interventi sulla struttura produttiva per elevare la capacità di produzione della singola azienda e quella nazionale complessiva;

- Qualificazione del prodotto per tutelare e promuovere la qualità del prodotto italiano e favorirne il posizionamento sui mercati anche internazionali;

- Miglioramento della strutturazione di filiera: per raggiungere una più elevata redditività c'è bisogno di una filiera coesa, con relazioni interne  che funzionano. Sia a livello orizzontale (offerta) che a livello verticale (relazioni contrattuali);

- Una più efficace politica di comunicazione: introdurre elementi innovativi e cogliere le opportunità che offrirà l'Expo di Milano 2015.

"L'olio è un settore strategico per l'agroalimentare italiano e - ha spiegato il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina - per questo abbiamo proposto alla filiera un piano articolato di azioni di breve e lungo periodo. Abbiamo vissuto un'annata complicata e per questo già nelle prossime ore metteremo in campo con le regioni una serie di azioni che abbiano effetto nell'immediato. Nella ripartizione degli aiuti accoppiati abbiamo già stanziato oltre 70 milioni di euro all'anno per l'olivicoltura, ma vogliamo intervenire anche con i fondi di sviluppo rurale, già dalla prossima primavera. Alla filiera abbiamo proposto 4 linee di intervento con un filo conduttore fondamentale che deve essere il miglioramento dei rapporti tra i vari settori coinvolti, insieme a un forte lavoro sull'aggregazione dell'offerta. Ci sarà molto da fare anche sul fronte della promozione del prodotto e sfrutteremo l'occasione di Expo anche in questo senso".

Ufficio Stampa

 

Ultima modifica ilMercoledì, 11 Febbraio 2015 12:10
  • Vota questo articolo
    (0 Voti)
  • Pubblicato in Giroliando
  • Letto 787 volte

Lascia un commento

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Questo sito utilizza cookies per migliorare la vostra esperienza di navigazione. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati.

  Accetto i cookies da questo sito.